Monthly Archives: gennaio 2012

Grazie Presidente Scalfaro, ma senza dimenticare

Con il senno del poi, visto come Ciampi e Napolitano si sono rapportati di fronte allo stesso panorama politico-istituzionale, determinato, in primo luogo, dalla forzatura provocata dalle leggi elettorali maggioritarie sull’immutato assetto costituzionale di tipo parlamentare, assetto peraltro ribadito con…

Spread: carta vince, carta perde

Se i tassi di interesse italiani scendono, ma lo spread tende a risalire, significa che i tassi tedeschi sono scesi in misura maggiore. Ciò significa che le banche stanno usando i soldi che la BCE gli ha regalato all’1%, per…

Grazie Presidente Scalfaro

Confessiamolo: in molti abbiamo ritenuto Scalfaro un pessimo Presidente della Repubblica. Dopo aver però visto come Ciampi e Napolitano hanno affrontato lo stesso panorama politico-istituzionale, determinato, in primo luogo, dalla forzatura provocata dalle leggi elettorali maggioritarie sull’assetto costituzionale, Mattarellum e…

Spread in prima pagina, i Forconi all’inferno

Che in Italia ci sia ormai un deficit di rappresentanza lo hanno compreso pure i sassi, per cui c’è da farsi poche illusioni circa le capacità dell’attuale Governo Monti, o del Parlamento che a larga maggioranza lo sostiene, di riuscire…

La mafia si alimenta con l’indifferenza, non con i forconi

Cosa e chi si cela dietro il Movimento dei cosiddetti forconi, o meglio, dietro le tante richieste che stanno provenendo dalle strade della Sicilia? Ma per provare a rispondere a questa domanda, è forse più opportuno interrogarsi, prima, sullo stato…

Forconi sì … anzi no … o forse nì?

Premesso che: 1) Da qualunque lato la si guardi, la classe politica italiana è pessima, in quanto abbiamo leggi elettorali che, per il timore che vinca l’altra parte, ci costringono a votare sempre gli stessi. 2) Da situazioni così ingessate…

Da Berlusconia a Travaglionia … e ritorno

Se a Berlusconi manca l’ABC del diritto costituzionale e pretende di torcere le regole perché scelto dal Popolo, per Marco Travaglio il voto popolare conta per quello che deve contare e nessuno può attribuirsi più poteri di quanto la Costituzione…

Sul referendum, la scorciatoia “propositiva” di Zagrebelsky

Gustavo Zagrebelsky è stato Giudice costituzionale dal 1995 al 2004. Anni nei quali ha certamente avuto modo di dare un importante contributo al processo di elaborazione di quei principi ai quali la Consulta si ispira in occasione dei giudizi di…